brbrbr


immagine di copertina
Sergio Benedetto Sabetta - Nello specchio di venere

Sergio Benedetto Sabetta

Nello specchio di venere

 

La potenza della bellezza è qualcosa di grande luminoso, ma anche tenebroso, oscuro in un continuo rapporto tra Apollo e Dioniso, elevazione ed ottundimento della mente. In questo rapporto ambiguo che ferisce ma al contempo consola ed eleva verso il cielo e lo spirituale, vi è la forza ultima della bellezza. Vi sono tuttavia epoche come l'attuale dove la bellezza viene talvolta appiattita sulla banalità, se non sulla volgarità, un incolore che la riduce alla superficiale percezione esterna, in una perdita di senso del soggetto. Nell'involgarimento vi è il suo svuotamento, ossia la riduzione al puro aspetto materiale del consumo, dove si perde la sua capacità di elevare l'anima al mistero della divinità, all'intuizione dell'assoluto, la parola perde la sua forza creativa.

CON LA PREFAZIONE DI ALESSANDRO QUASIMODO

> Ordina il libro


Collana "I Diamanti - Poesia"
pp.92 €12.00
ISBN 978-88-591-7687-9


 
ebookIl libro è disponibile anche in versione e-book