Salvatore Marrone - GIUFÀ e G. PITRÈ Cultura e Ironia immagine di copertina

Salvatore Marrone

GIUFÀ e G. PITRÈ
Cultura e Ironia

Letteratura e cronaca romanzata, in questi racconti palermitani, con riferimenti storici. L'ironia è il filo conduttore, da un capitolo all'altro: il linguaggio omertoso e intimidatorio di ieri e di oggi, e il modo di atteggiarsi a uomo di mafia; la speranza dei giovani antimafia; Giufà, figura letteraria riscoperta, alla fine dell'800, da Giuseppe Pitrè, insigne storico delle tradizioni popolari siciliane, e che ancora oggi rappresenta lo spirito “buffo” ottocentesco di chi si sente abbandonato al suo destino di miseria nei vecchi quartieri; una pagina sulla liberazione di Palermo da parte di Giuseppe Garibaldi; negli anni '60, le serate di canti e amori sulla spiaggia di Mondello; l'immagine di Santa Rosalia utilizzata negli antichi mercati per dimostrare sottomissione e accettazione al “pizzo”; un investigatore privato psicologo “senza pistola”, il cui ufficio-topaia è in un antico palazzo di Palermo, che indaga, dalla città alle valli delle Madonie, sulla misteriosa scomparsa di un'anfora egiziana con tante antiche monete.

Salvatore Marrone (1937, di Palermo) è giornalista professionista dal 1967. Firma giornalistica: Rino Marrone. Attualmente iscritto l'Or-dine del Giornalisti della Lombardia. Abita a Ponte San Pietro (BG). Ha pubblicato, nell'aprile 2016, “Le luci nel silenzio” (Aletti Editore).

> Ordina il libro


Collana Gli Emersi - Narrativa
pp.132 €12.00
ISBN 978-88-591-3592-0

 
ebookIl libro è disponibile anche in versione e-book