Carmela Capitale - Vox Musae immagine di copertina

Carmela Capitale

Vox Musae

Si dice che la poesia sia il genere letterario più alto per la nomenclatura idillica che la pervade. Qualsiasi componimento, lirica, ballata, prosa, brano o piece deve contenere necessariamente l’allucinazione emotiva per incantare il lettore e svegliare la sua fantasia.
Vox Musae è una raccolta di prose, liriche e ballate ordite di polvere di stelle e polvere di fango che ha l’ardua pretesa di intrecciare il cielo, la terra e il mare in un connubio di passioni e tensioni umane in relazione all’uomo e agli elementi.
Talvolta la lirica si imbatte in argomentazioni complesse toccando varie tematiche come i concetti di sacralità, di esistenzialismo; ma subito si invola leggera e diventa quasi buffa.
Vox Musae è un coro soave di voci, è la voce dell’anima in pena che denuncia il grottesco della quotidianità, è il coro ideale delle muse che alleggerisce e gioisce attraverso la bellezza sorprendente della poesia e la potenza della parola, la nostra anima appesantita dalle circostanze della vita.

> Ordina il libro


Collana Gli Emersi - Poesia/Narrativa
pp.116 €12.00
ISBN 978-88-591-4007-8


 
ebookIl libro è disponibile anche in versione e-book