immagine di copertina
Giuseppina Morrore
Giuseppina Morrore

Amortalya

Giuseppina Morrone nasce il 26 Luglio 1971 a Tivoli (RM) ove lavora, al Ministero dei Beni Culturali, nella sede di Villa d’Este.
È diplomata in Arte dei Metalli ed Oreficeria e laureata in Scenografia all’Accademia di Belle Arti di Roma dal 1994. Ha insegnato disegno e storia dell’arte ed è altresì tecnico GIS per la gestione dei beni storico/archeologici. Ha sempre dedicato la sua vita all’arte, in particolar modo alla pittura, fino ad approdare alla sublime arte della scrittura, in versi e non. Pubblica infatti nel Giugno 2008 il suo primo romanzo dal titolo “Il Vittoriale (Sovrapposizioni)”
(Aletti Editore). Le sue poesie sono state pubblicate
in diverse antologie. Ha partecipato a numerosi concorsi letterari, ricevendo importanti riconoscimenti.
Amortalya è una raccolta poetica di 40 componimenti che nasce dall’impulso artistico e vitale dell’autrice romana, la quale conia questo neologismo che racchiude in sé tre vocaboli fondamentali:
Amor (amore), morta (morte) Amortalya (immortale,
onomatopeicamente): Amortalya. La Poesia è immortale e rappresenta la risposta alla Morte; la risposta alla Vita invece è l’Amore. Quindi protagonisti indiscussi: l’amore, la vita, la morte e la poesia attraverso l’infinito della propria anima.

> Ordina il libro


Collana "Gli Emersi - Poesia"
pp.56 €12.00
ISBN978-88-591-6696-2


 
ebookIl libro è disponibile anche in versione e-book