Maria Cristina Capatina, Ennio Cecchinato, Maria Teresa D’Antea - La poesia è un manoscritto deposto nel cavo di un albero immagine di copertina

Il Paese della Poesia - Tre Poeti a Raffronto
Maria Cristina Capatina, Ennio Cecchinato, Maria Teresa D’Antea


La poesia è un manoscritto deposto nel cavo di un albero

In questo terzo millennio, dove l’informazione è il sapere comune che frammenta le coscienze, mancano spazi reali di confronto e incontro, proprio nella stagione in cui la condivisione orizzontale dei social media ci illude di una fittizia fratellanza globale, rigorosamente dietro un monitor. Si percepisce indistintamente questa esigenza di riconoscere una zona franca per l’incontro elettivo, come dimostra il festival Letterario Il Federiciano – che si tiene ogni anno nell’unico Paese della Poesia, che ho avuto l’onore di progettare e realizzare – frequentato da migliaia di autori e visitatori, con l’intento di aderire a un evento che consente di proporre e ascoltare, che fa nascere quella contaminazione tra culture e esistenze che è da sempre il fondamento del progresso. E questo libro, come i prossimi che inseriremo in questa nuova collana, vuole ripercorrere questa incredibile esperienza, prendendo a prestito anche il nome: Il Paese della Poesia – Tre Poeti a raffronto.
Prendendo a prestito le parole di Carl Sandburg “La poesia è un’eco, che chiede all’ombra di ballare”, ci accingiamo a leggere i versi di Maria Cristina Capatina con Fiocchi negli infiniti, Ennio Cecchinato con Un sottile filo d’argento, Maria Teresa D’Antea con Galleria Femminile sperando che la nostra eco possa trovare sintonie con le tonalità dei versi proposti.

Infine, vi propongo come punto di partenza e di riflessione, la frase che dà il titolo a questa silloge: La poesia è un manoscritto deposto nel cavo di un albero di Czesław Miłosz.

(estratto dalla prefazione di Giuseppe Aletti)

************

Maria Cristina Capatina con Fiocchi negli infiniti

Liturgico mondo preme nel suo sfondo
regolano i chiodi martirizzando i mondi,
temono carezze nelle incertezze.
Fresche armonie velano le vie,
Bagnati soffianti, nei riflessi infanti,
lacrime soffocate nei sguardi sognanti.

Ennio Cecchinato con Un sottile filo d’argento

Negli occhi tuoi
io mi ritrovo lungo il fiume dell’amore
tornerò per mille notti a farmi male
se poi cammineremo su due rive noi divisi e dispersi
ma lo so io farò in modo di riaverti... con me

Maria Teresa D’Antea con Galleria Femminile

La generosità, ahimè, non ha storia
e sarai ricordata, Guglielmina,
soltanto per aver protestato
con l’ardore d’una belva materna,
contro cognate per te troppo assenti
e l’indifferenza di freddi prelati.

> Ordina il libro


Collana Tre Poeti a Raffronto
pp.112 €12,00
ISBN 978-88-591-4134-1

 
ebookIl libro è disponibile anche in versione e-book a €1.99